marzo 31, 2011

Lettera a Silvio

O Silvio, grande Silvio
ti si scrive dalla Toscana rossa: noi ci siamo segnati a Forza Italia dal primo giorno, e ti poi immaginà in quest’ anni quanto s’è dovuto letià pe difendeti. Ne’ barri, a’ gazzebi, tutto un bercià co’ qque’ maledetti ‘omunisti. Ci diano: “è ‘n ladro, ‘m puttaniere, è ‘na vergogna pell’Italia!” E noi a que’ ‘ompagni: “No, ‘unn’è vvero, vi rode l’culo perché da 16 anni vi sbatacchia all’elezzioni, ‘un sapete ‘ome ffà pe buttallo giù!”
Intanto, si mette subito le ‘ose ‘n chiaro: a noi ci garba la Bernarda ‘uant’e te! Siamo tutti iscritti alla loggia P3: Pasta, Passera e Pallone, sichhè ‘un ci si pole sbaglià. A noi que’ finocchi di Vendola e Marrazzo ci fanno vomità!
Silvio, noi ti si voleva hiede un favorone: una volta sola, peppiacere, facci entrà a visità questa villa di Arcore, si vole ‘apì com’è questa Disneyland che ci raccontano ‘n televisione. A noi ci bastano du’orette, anche se te ‘un ci sei ( i tu’ ospiti vanno bene uguale …), si capisce che cciai daffà: un giorno sei a Roma, uno in Affira, un altro da Putin (a proposito: dice ci sia delle topine lassù, ci si vorrebbe andà, pensi he merita? Se ce lo dici te ci si ‘rede, grande Silvio!). Facci levà la curiosità, poi ‘un ti si rompe più ‘oglioni. Ci dici il giorno e l’ora che ti torna più comodo, ‘un c’è problemi, si fa ‘na macchinata e si viene, anche se ci fai riceve dal vice ‘apo del sottoaiuto. Bada, ci si leva anche le scarpe all’uscio, pe ‘unne ‘nsudiciatti i pavimenti! Si gira ‘n po’ ‘l giardino, alle volte ci fosse qualche tegame rimpiattato fra le frasche, si fa du’ foto pell’amici, si dice du’ buscherate e si viene via. ?un si pretende mia di trovà Ruby a buo ritto (troppa grazia, Dio bonino….): siamo di paese, ci si ‘ontenterebbe anche della Santanchè colle mutande di traverso! Silvio, facci solo entrà nella sala del bunga bunga, noialtri ‘un ci si po’ permette, almeno pe curà l’immigrazione! Se poi t’avanzasse ‘ualcosina… noi ‘un si butta via niente… e poi oh: mia le romberete tutte te e Fede, no?
Grande Re Silvio, facci contenti anc’a noi poveretti, ti si promette l’voto finchè campi.
Tre amici toscani ti ringraziano, e ‘un ti preoccupà, noi ‘un si racconta ninente!

agosto 2, 2010

LA FIGLIA MINORE DI BERLUSCONI CHIEDE AL PADRE: PAPA’ COS’E’ L’AMORE ?

L’amore? L’amore è per esempio incontrare un ricco signore che ti porta in un albergo di lusso a Venezia, che ti fa fare un giro in gondola, che ti porta a mangiare in un bel ristorante a piazza San Marco, che ti compra una Mercedes, che ti compra un appartamento a Parigi e una villa in Costa Azzurra, che ti compra una collana di diamanti e anelli d’oro, questo è l’amore.

Papà! E dove sono i sentimenti, il desiderio, i batticuori, il primo appuntamento, il primo bacio???

Figlia mia… quelle sono cazzate che si sono inventati i comunisti per trombare gratis…