marzo 4, 2012

Benvenuti in Paradiso, qui non c’è ne Lavoro, ne Scuole, ne Ospedali, ne Denaro … Caxxo siamo in Italia !

settembre 15, 2010

SE TU MI PAGHI COME DICI TU, LAVORO COME DICO IO.

SE TU MI PAGHI COME DICO IO, LAVORO COME DICI TU.

dicembre 15, 2009

Sicurezza sul lavoro

Fotosicurezza

Quando si dice “lavorare in modo sicuro”…

tratto da Scemix

novembre 10, 2009

Non mi da fastidio venire a Lavorare

Non mi da fastidio venire a lavorare

Non mi da fastidio venire a lavorare ……

….. Ma, dover aspettare 8 ore per poter tornare a casa, mi sembra un po troppo !

ottobre 14, 2009

Il mio nuovo posto di lavoro

Se eravate stanchi del vostro vecchio impiego, 

se pensavate di essere sottopagati,

se odiavate il vostro capo ufficio e non ne potevate  piu’ di vedere la sua faccia,

anche voi oggi potrete dire con orgoglio:

IO ORA LAVORO IN UNA GRANDE AZIENDA!

kagata

dicembre 11, 2008

I migliori Curriculum italiani!

CB007273

Tutti sanno che per trovare lavoro c’è bisogno di portare in azienda un Curriculum vitae, cioè un documento che contiene tutte le precedenti esperienze lavorative del personaggio, compresi gli studi e i vari dati per essere rintracciato. Oggi, vi presento le frasi più strane che sono state inserite nei vari curriculum italiani.

1. “Richiedo un salario commiserato con la mia vasta esperienza”.
2. “Ho imporoto Word Perfect 6.0 ed altri progrommi come figli dicolculo.
3. “Ho ricevuto una tacca come Venditore dell’Anno”.
4. “Interamente responsabile per il fallimento di due (2) istituzioni finanziarie”.
5. “Bocciato all’esame per magistrato con voti relativamente alti”.

Continua a leggere

dicembre 7, 2008

Contratto di lavoro!

Ecco un bel contratto di lavoro, non proprio a norma di legge! 😀

1 – GIORNI DI MALATTIA
Non sarà più accettato il certificato medico come giustificazione di malattia. Se si riesce ad andare dal dottore si può benissimo andare anche al lavoro.

2 – GIORNI LIBERI E DI FERIE
Ogni impiegato riceverà 104 giorni liberi all’anno. Si chiamano sabati e domeniche.

3 – BAGNO
La nuova normativa prevede un massimo di 3 minuti per le necessità personali. Dopo suonerà un allarme, si aprirà la porta e verrà scattata una fotografia. Dopo il secondo ritardo in bagno, la foto verrà esposta in bacheca.

Continua a leggere